Piastrelle Bagno quale Scegliere Guida all’ Acquisto

La parte piú divertente e creativa durante una ristrutturazione del bagno moderno è quella relativa alla scelta del rivestimento. Dobbiamo acquistare le piastrelle, quelle che daranno lo stile e l’impronta a questa importante parte della casa. Sono diverse rispetto a quelle della cucina o di un altro ambiente perchè devono resistere all’ umidità tipica di questo ambiente, dovuta all’ acqua calda della doccia o della vasca.

Il mercato offre tantissime soluzioni e troveremo sicuramente quella che farà per noi a prescindere dal prezzo che vogliamo spendere. Ci sono infatti piastrelle economiche, medie e molto costose. I materiali sono parecchi, così come le forme ed i colori. Cerchiamo di capirne di piú e di darvi qualche consiglio.

I materiali delle piastrelle

  • Mattonelle in ceramica: si tratta di un materiale piuttosto economico, ha una porosità molto bassa, qualità apprezzata per la facilità con cui possono essere pulite e manutenute. L’acqua e la sporcizia infatti scivola via in maniera molto facile.
  • Mattonelle in porcellana: sono un po’ piú costose e hanno le stesse caratteristiche di quelle in ceramica con lo stesso grado di porosità. Anche in questo caso sul mercato c’è un’ampia scelta di modelli. Molto belle anche quelle in gres porcellanato, un mix di materiali.
  • Mattonelle di vetro è la soluzione piú elegante insieme a quella della porcellana. Il rivestimento fatto con queste piastrelle è molto elegante e di effetto e danno una grande personalità al bagno. Il prezzo è piú alto, ma possono essere usate sia dentro che fuori dalla doccia.
  • Mattonelle in pietra: il rivestimento in questo caso può essere effettuato con piastrelle che “simulano” la pietra, ma il materiale non è realmente quella oppure con blocchi di granito o pietra naturale. Il costo è molto elevato ma di grande effetto per chi cerca un effetto rustico o antico.
  • Il marmo: poco utilizzato, molto costoso, ma se usato in maniera discreta può essere elegante.
bagno in ceramica fiori

bagno in ceramica fiori

I colori

le ultime tendenze suggeriscono di non utilizzare soltanto un colore, ma una mescolanza di toni e texture, ma anche forme, che possono interrompere la monotonia di una parete o di un pavimento tutto uguale. Interessante è dare un’occhiata al blog C&A per trovare spunti ed idee sull’accostamento colori.

Il bianco è ideale per bagni piccoli e con poca luce, danno un’dea di maggiore spazio e profondità, ma per spezzare una parete tutta uguale e per non creare un “effetto ospedale” possiamo utilizzare inserti, greche, piccoli disegni di colore differente. Anche di tonalità accese come rosso, blu, verde che possono essere accoppiate con la stessa tonalità che ritroviamo su asciugamani o arredi per il bagno.

Se invece abbiamo a disposizione un grande spazio via libera alla fantasia. Molto apprezzati anche colori inusuali come il grigio ed il nero che danno una grandissima eleganza ad un bagno moderno dalle linee rigorose e decise. Il grigio poi simula molto bene la pietra.

piastrelle_vetro

piastrelle_vetro

I mosaici

sono molto belli e possono essere usati su tutte le pareti o solo su una parte del bagno, ad esempio per rivestire la doccia o la zona vicino al lavabo. Ormai si usano fogli di mosaico da 30 cm che si appoggiano alla parete creando un effetto molto bello. Se invece vogliamo qualcosa di grandioso possiamo affidarci a dei professionisti del mosaico. Molto apprezzati quello di Bisazza realizzati anche in vetro.

La forma

le forme delle mattonelle sono tantissime. Si parte da quelle piccole in formato classico 10×10, 20×20 a salire. Possono essere quadrate, rettangolari, esagonali. Non è vero che in un bagno piccolo ci vogliono piastrelle piccole, dipende dai colori e da come vengono posate. Anche piastrelle da 45×45 cm possono andar bene. Possiamo inoltre utilizzare una misura per il pavimento ed una diversa per le pareti.

piastrelle bagno arancioni

piastrelle bagno arancioni

Come posare le piastrelle

anche in questo caso la fantasia non ha limite. Possiamo posarle orizzontalmente oppure verticalmente. Usare un modo diverso per pavimento e pareti. Possono essere messe diagonalmente, a spina e spezzate ogni tanto. La posa influisce ovviamente sul prezzo finale chiesto dai professionisti che effettuano il rivestimento.

Il parquet in bagno

il pavimento in legno è bellissimo. Da calore e colore. Se lo posiamo in bagno però dobbiamo essere attenti, dobbiamo scegliere quello giusto perchè umidità e acqua  non si sposano con tutti i legni.Il Doussiè, Merbau, Iroko e Teak vanno bene, il Rovere un po’ meno perchè si può macchiare. Ma è soprattutto il trattamento a cui vengono sottoposti che fa la differenza. Non dimentichiamo che il legno viene utilizzato anche sulle barche e le barche stanno a contatto con l’acqua perennemente.

Ricordiamo magari anche di areare il locale dopo aver fatto una doccia oppure un bagno per evitare ristagni di umidità. Ci sono anche mattonelle in gres porcellanato con effetto legno. Sembra veramente di aver posato il parquet per terra. Quelle della Marazzi sono listelloni che misurano 12,50 x 50 cm, disponibili in colori beige, rovere, grigio costano circa 18 euro a metro quadro.

bagno pavimento legno

bagno pavimento legno

Le marche ed i prezzi

ce ne sono tantissime. Le prime scelte costano un po’ di piú rispetto alle seconde scelte. Quelle economiche in ceramica costano 10-15 euro al mq. Si raddoppia per le fasce basse di Marazzi, RAGNO, fino ad una media di 50-70 euro. Si superano i 100 euro per prodotti di fascia alta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *