Sanitari Sospesi o Pavimento i Vantaggi e i Modelli

La scelta dei sanitari da installare in un bagno è importante e deve essere molto scrupolosa, dal momento che coinvolge sia aspetti che riguardano l’estetica sia quelli che riguardano l’igiene e la praticità. La principale distinzione di Water e Bidet riguarda il loro montaggio, a pavimento o sospesi, vediamo quali sono caratteristiche, vantaggi e svantaggi delle due soluzioni.

Sanitari a pavimento

Il sanitario da pavimento è il più tradizionale e quello più comunemente utilizzato. Questa tipologia di sanitari prevede lo scarico a pavimento e la cassetta dell’acqua per il wc posizionata sopra oppure murata. In alcuni casi la cassetta dell’acqua di scarico potrebbe essere a zaino e quindi collegata sopra al vaso e in posizione esterna al muro.

sanitari_dolomite

 

Questi modelli sono semplici da installare e richiedono solamente un adeguato fissaggio al pavimento che deve essere realizzato con tasselli appositi. Infatti in questo caso il peso del sanitario sommato a quello di chi lo utilizza viene distribuito al pavimento senza problemi di tenuta. Inoltre in caso di cassetta dell’ acqua a zainetto, potrebbe essere più facile accedervi in caso di guasto.

I sanitari a pavimento hanno solitamente un ingombro maggiore e rendono difficoltosa la pulizia, questo perché sono distanziati dal muro, ma non sufficientemente per poter procedere con un lavaggio adeguato. Un ulteriore svantaggio coinvolge la cassetta a zainetto che è in grado di emettere rumori maggiori rispetto ad altre tipologie.

Sanitari sospesi

I sanitari sospesi sono di nuova concezione e forniscono un’idea di leggerezza che è in grado di modificare notevolmente il design del bagno. Infatti il principale vantaggio che si nota immediatamente è l’estetica che rende il bagno molto moderno. Il fatto di essere sospesi e di non gravare sul pavimento consente che non vengano trasmesse le vibrazioni acustiche all’intero edificio.

Posizionando le tubazioni che fungono da scarico all’interno dell’intercapedine nella parete, si riduce anche in questo modo il rumore emesso dagli scarichi. Con i sanitari sospesi è più facile effettuare la pulizia dal momento che è più semplice accedere all’intera area. Non dovendo utilizzare del silicone per sigillare le giunture, si evita che questo si deteriori con il tempo, provocando perdite e problemi di estetica.

sanitari_sospesi_ideal_standard

 

 

Un ulteriore vantaggio è rappresentato dal minor ingombro che presentano, ideali per bagni piccoli. Per poter posizionare correttamente i sanitari sospesi deve essere necessariamente previsto lo scarico a muro. Un muro sul quale posizionare un sanitario di questo tipo deve necessariamente avere uno spessore di almeno 12 centimetri per consentire l’inserimento delle tubazioni e soprattutto di permettere il sostegno del carico totale. È possibile che con il tempo possano presentare dei movimenti, soprattutto in quei casi in cui non siano stati fissati correttamente.

I modelli

Per realizzare un bagno con un’estetica moderna è possibile scegliere i prodotti della linea DuraStyle della Duravit che comprende dei sedili elettronici, dei lavabo, dei lavamani o delle consolle che possono essere da appoggio, oppure da incasso o semi-incasso. La Geberit è in grado di offrire numerose tipologie di sanitari per ogni tipologia di esigenza e con estetica differente. Come per esempio il Monolith che offre un pannello che è in grado di nascondere le tubazioni. La linea Boffi prevede sanitari dalle linee innovative e in grado di arredare il bagno in modo perfetto con soluzioni ideali per ogni cliente, come per esempio la linea Universal oppure quella Flyer.

Ampio catalogo di water e bidet sospesi per Pozzi Ginori e Ideal Standard, in quest’ultimo con vasi a terra e filo muro con sistema di scarico brevettato Aqua Blade. Ceramica Dolomite ha vasi e bidet di grandezze minime con Vaso accoppiato a cacciata con scarico a pavimento.

Idee per Box e Cabine Doccia per il Bagno

Installare un box doccia in un bagno presenta decisamente molti vantaggi, è davvero una valida alternativa alla vasca e può essere inserito in spazi anche parecchio ridotti. Sul mercato ci sono tantissimi modelli di box e cabina doccia pronti per l’uso, ma prima di procedere con l’installazione, che sia essa destinata ad uno spazio nuovo o ricada in una ristrutturazione, bisogna tener conto di diversi accorgimenti.

Soprattutto in un bagno esistente, bisogna innanzitutto procedere con vari controlli sull’impianto idrico. Primo fra tutti, l’allacciamento e lo scarico e le loro condizioni. Il punto ideale dove installare la doccia è al termine dello scarico, in una linea indipendente, dopo il wc per evitare un eccessivo ristagno di acqua. Per quanto riguarda il piatto doccia invece, è bene rialzarlo di qualche cm dal pavimento, in modo da potere inserire uno scarico con un sifone che proteggerà da sporco e cattivi odori.

doccia_disenia

 
Per evitare problemi di muffa o infiltrazioni alle pareti, possiamo inserire una guaina tra il rivestimento e il muro sottostante. Per quanto riguarda invece il materiale da usare per i box doccia, in genere abbiamo il cristallo temperato, che resiste agli urti e alle varie temperature ed è igienico, o vari materiali acrilici. Questi materiali hanno la forza di essere lisci, quindi non permettono ai batteri di sedimentarvi, sono atossici e impermeabili. I materiali più comuni che vengono utilizzati sono quasi tutti acrilici. Essi devono avere la proprietà di essere antiscivolo, ma nel caso non lo siano, esistono delle specifiche pedane in legno che vengono inserite sul piatto doccia. Per chi ne avesse l’esigenza, poi, specialmente se in casa vi sono anziani o bambini, esistono anche delle particolari maniglie d’appoggio da porre all’interno della doccia.

novellini_glax_3

Seguendo alcuni accorgimenti e consigli e individuato lo spazio adatto e l’ingombro che la doccia andrà ad occupare, si possono individuare diverse forme di piatto doccia: quadrato, rettangolare, semicircolare o su misura e in diversi materiali, tra cui la pietra. I piatti doccia hanno tendenzialmente misure che variano dai 50 ai 120 cm per lato. Il sistema più tradizionale è quello d’appoggio, ma ultimamente si sta evolvendo sempre di più l’utilizzo del sistema a filo pavimento.

La ceramica è il materiale più comune, ma l’acrilico garantisce delle proprietà che spesso vengono preferite alla prima, per esempio non è freddo, e si rompe meno anche in fase di installazione. Se si vuole ristrutturare un bagno in muratura, dopo aver agito con isolanti, le pareti vanno rivestite con piastrelle grandi o a mosaico. Per quanto riguarda il piatto doccia, l’ideale sarebbe un piatto a blocco unico in pietra naturale ed eventualmente le pareti in vetro cemento o decorate in vetro temperato da 8 mm.

doccia_ideal_standard

 

Le numerose aziende italiane specializzate nei prodotti per l’arredamento del bagno offrono differenti soluzioni, sia per bagni in muratura che prefabbricati. Per esempio la ditta Glass offre piatti doccia sia ad appoggio che a filo pavimento, su misura e in materiale acrilico. Spesso utilizzati nei prefabbricati.
La Falper propone diversi modelli di design realizzati in marmo, resina, cemento o ceramilux opaco o lucido da poter utilizzare in appoggio o in pavimento ideali per tutte le soluzioni di arredo.

Ancora, Pietre di Rapolano invece offre un’ampia gamma di piatti doccia in pietra, marmo o travertino a prezzi vantaggiosi, per dare un tocco di classe al tuo bagno. Infine possiamo menzionare Disenia, con i modelli “Like”, che è da sempre considerata il leader dell’arredo bagno e propone varie soluzioni e vari prezzi per ogni tipo di esigenza.

Novellini ha in catalogo Glax 3, una cabina doccia chiusa disponibile in varie misure, da 80-90-100 e 120 cm con l’opzione idromassaggio e colonna doccia attrezzata con getti hydro e soffione a cascata. Il modello Tonic di Ideal Standard è una doccia angolare, oppure installabile in una nicchia o a penisola disponibile pure con il piatto curvo. Apertura ad una o due porte battenti ha il vetro trasparente oppure lucido.

Idee per Specchiere per il Bagno

Le specchiere per il bagno sono un elemento indispensabile dell’arredamento: tutti ne hanno bisogno per radersi, truccarsi, pettinarsi, mettersi in ordine oppure soltanto per guardarsi. Per questo è necessario scegliere le specchiere con molta cura. Innanzitutto, prima di stabilirne la forma e le misure, bisogna stare attenti che la specchiera sia proporzionata alle dimensioni dell’ambiente, non solo quindi rispetto alla parete a cui deve essere appesa ma anche alla dimensione del lavabo sotto cui deve essere installata. In genere, le forme prescelte sono quelle tradizionali (le più richieste sono le forme rettangolari, rotonde, quadrate ed ovali), mentre sono meno gettonate le forme irregolari.

Specchio con mensola ideal standard

Specchio con mensola ideal standard

Inoltre, le specchiere devono armonizzarsi non solo con lo stile ed i colori dell’arredamento, degli accessori e dei sanitari del bagno, ma anche con i rivestimenti e le pareti della stanza. Le specchiere possono essere con o senza cornice, sospese con bracci pieghevoli o montate a muro, di design oppure estremamente semplici, e risultano ancora più importanti nel caso di bagni piccoli e poco luminosi. Infatti, una delle funzioni delle specchiere è di estendere lo spazio interno dell’ambiente grazie alla loro superficie riflettente. Nel caso che la specchiera sia priva di cornice, spesso è integrata da una mensola inferiore dove poter sistemare gli oggetti d’uso (pettini, spazzole, spazzolino da denti, dentifrici, ecc).

specchio Falper collezione Menhir

specchio Falper collezione Menhir

 

Un’alternativa è quella del modello contenitore, in cui lo specchio viene montato su di un mobile pensile, apribile a libro, tramite un meccanismo scorrevole oppure a vasistas (in particolare si trova sull’anta che chiude i ripiani). Alcuni modelli hanno anche una funzione antiappannamento, davvero utile dopo che si è fatto il bagno o la doccia, situazioni in cui il bagno è pieno di vapore. Quasi tutti i modelli sono dotati di un’illuminazione ad led, a volte anche con un sistema di retroilluminazione. Nel caso in cui la specchiera non sia dotata di un sistema di illuminazione, le luci del bagno devono essere collocate in maniera tale che sia illuminata non la superficie dello specchio ma la persona davanti ad esso.

 

specchio_classico

specchio Olympia Ceramica modello Impero

 

Importante anche la luce che possiamo diffondere sopra le specchiere o ai lati con faretti che rendono chiara e pulita l’immagine riflettente, un po’ come avviene nei camerini di teatro. Questa Lampada a Led ad esempio si applica sulla cornice dello specchio e proietta un fascio di luce a 180 gradi.

Scoopy specchio con illuninazione Reflect+ by Deknudt Mirrors

Scoopy specchio con illuninazione Reflect+ by Deknudt Mirrors

Vasche Combinate con Doccia Integrata i Migliori Modelli

La doccia è comoda, veloce e consuma poca acqua, la vasca da bagno offre tanto relax e benessere. Quale scegliere per la propria casa? Quale è meglio dei due? Se si è indecisi esiste una terza opzione, si tratta delle vasche combinate, una via di mezzo. Possono essere usate in un modo o nell’ altro. Oggi andremo alla scoperta dei modelli presenti sul mercato con i relativi prezzi.

Una delle aziende che produce vasche combinate per il bagno è la Jacuzzi. Famosa per l’idromassaggio l’azienda statunitense produce anche questo tipo di prodotto. Le sue vasche doccia sono compatte e leggere ma anche funzionali in ogni dotazione. Sono dotate di accoglienti scrigni in cui fare un rilassante bagno idromassaggio oppure di un’energica doccia per rigenerarsi. Se si desidera una dimensione in cui vivere il piacere e avere i benefici dell’acqua sia in verticale che in orizzontale, la soluzione migliore è il modello Link, disponibile nelle misure 160×70, 170×70 e 170×78, che si può anche personalizzare con degli Hydro Jets per un trattamento localizzato o con il Twist Jet, un getto rotante più ampio e meno intenso. Il modello è realizzato con materiali innovativi e ha linee minimali per uno stile dinamico.

jacuzzi_link

Le sue soluzioni intelligenti riuniscono in un solo elemento più funzioni, eliminando il superfluo e rendendo il suo utilizzo più pratico. Le dotazioni sono: una seduta, un poggiatesta, 8 bocchette di serie rotanti, 12 bocchette di serie Air, 4 getti verticali, un soffione a pioggia, una doccia scorrevole e i comodi comandi touch. Link è un’idea geniale della collezione Young Jacuzzi disponibile in quattro diverse versioni: la BASE, la JET, la AIR e la DUO. Il prezzo dei modelli Link si aggira intorno ai 6.000 euro e può variare in funzione degli accessori scelti.

Hafro ha in catalogo For All box con vasca classica rettangolare lunga 180 cm disponibile in 78 o 83 cm di larghezza. Questa vasca combinata può essere scelta anche con idromassaggio con 12 iniettori airpool, 8 jets whirlpool, faro subacqueo mentre l’ asta doccia con doccetta ed il miscelaturo a muro sono optional. Il colore della pannellatura è bianco rosso o grigio. Interessante lo sportello ad apertura per entrare in vasca, fatto apposta anche per le persone anziane che non devono scavalcare. Prezzi a partire da 3200 euro.

hafro_doccia_combinata

Altri modelli di vasca combinata sono i Combilight easy 177/178/188 della Grandform. Queste vasche idromassaggio rettangolari hanno una doccia integrata dotata di un box di cristallo temperato da 6 mm, di una rubinetteria con una doccetta, una doccia dor-sale, un soffione con testine anticalcare e una bocca per il riempimento della vasca in acciaio inox satinato. Il modello è disponibile, sia in versione destra che sinistra, in 3 dimensioni: 180×80, 170×80 e 170×70. Oltre ai pannelli di acrilico bianco già in dotazione, si possono abbinare dei pannelli Skin nelle colorazioni grigio cemento e tortora. I prezzi variano dai 3.000 ai 7.000 euro, in funzione delle caratteristiche.

teuco_combinate

Anche l’azienda Teuco propone dei combinati che rispondono in modo ottimale a esigenze di adulti, bambini e anziani perché offrono la possibilità accedere comodamente a tutte le funzioni grazie a un’ergonomia studiata in modo accurato. I modelli 382, 384 e 385 hanno sorprendenti dimensioni ridotte che si adattano a ogni ambiente. Sono dotati di una maniglia robusta con un fermo di tipo meccanico per evitare un’apertura accidentale. Questi modelli hanno una seduta rimovibile che trasforma la vasca con idromassaggio a seconda delle esigenze. L’estetica ha una massima cura per i dettagli e consente di scegliere tra differenti pannellature. Il prezzo si aggira intorno ai 4.000 euro, a seconda degli accessori scelti.

tresse_asyx

Treese produce vasche classiche con stile retro, ma anche moderne. Il suo modello vasca+doccia è Asyx Box Top che è angolare. Misura 160 x 90 cm con un’altezza di 2,22 m. In acrilico la pannellatura disponibile è bianca, nero o marrone. Disponibile anche nella versione idromassaggio.  6 Jets idromassaggio e 12 getti airpool, può contenere 200 litri d’acqua. Prezzo a partire da 4200 euro.

Idee per Bagni in Muratura

I bagni in muratura sono la soluzione adatta per le case con uno stile classico e country, ben si sposano però anche con ambienti moderni e dal carattere deciso. Ma vediamo più nel dettaglio di cosa si tratta.

Per la realizzazione di bagni di questa tipologia solitamente le strade da percorrere possono essere due: una consiste nell’avvalersi dell’aiuto di un professionista, l’altra invece presuppone l’utilizzo di elementi prefabbricati, lavorati su misura, che chiunque abbia le basi del fai da te potrebbe installare. Si possono realizzare in carton gesso, con pannelli di siporex e legno.

La caratteristica che contraddistingue un bagno in muratura da un’altro è proprio la presenza di muretti divisori che nella maggior parte dei casi possono essere rivestite da maioliche con scopo, oltre che decorativo, di suddividere i vari elementi che lo compongono. Nella prima foto vediamo un muretto coperto sia al lato che nella parte superiore da una lastra di marmo di colore azzurro.

Solitamente si opta per la creazione di muretti che dispongono di mensole interne ed ante esterne, in pratica dei mobiletti veri e propri allocati di norma sotto la zona del lavandino (vedi seconda foto). Dei ripiani possono essere presenti anche esternamente, ma dovrebbero essere costruiti in legno in modo da poter rispettare lo stile rustico conferito a questa lavorazione.

Un ruolo di fondamentale importanza viene svolto dagli elementi decorativi: maioliche in ceramica, gres e marmo fanno da padrone in questo ambiente. Per quanto riguarda invece colori e designi in questi ambienti si sposano molto bene decorazioni floreali, pareti a mosaico e intagli nelle parti in legno.

Nei bagni dal carattere più moderno le decorazioni avranno uno stile più spigoloso e geometrico in linea con il gusto del proprietario. Le ultime tendenze che riguardano il design di vasca e lavabo li vedono progettati in pietra o in marmo e come accennato sopra, rivestiti in ceramica oppure il gres porcellanato.

Le colorazioni per questa stanza richiamano quelli della natura, solitamente si tende a mantenere inalterate la gradazioni del legno e della pietra, per chi volesse invece tinte tenui, pastello, il celeste o il verde rappresentano un’ottima alternativa. I colori chiari, oltre che a ricreare un ambiente accogliente, riescono a conferire luminosità e una sensazione di maggiore ampiezza.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Altra parte importante è la doccia in muratura. Si può sfruttare la luce di una finestra utilizzando pareti in vetro cemento oppure realizzare una mini stanza per la doccia (vedi terza foto) con una porta finestra che possa fungere anche da bagno turco oppure utilizzando una colonna attrezzata, da idromassaggio con getti d’acqua.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Molto ricercato è anche la vasca da bagno in pietra incassata oppure che fuoriesce da un muretto realizzato in mattoni di pietra (quarta foto). Esiste anche la possibilità di realizzare pareti con finte parti in pietra.

Se ci si atterrà ai consigli forniti il risultato sarà impeccabile, parola di designer!

Agevolazioni Fiscali per l’acquisto di Arredamento per il Bagno

Buone novità per chi decide di comprare dei mobili da bagno, o anche un arredamento generico, se si tratta di un acquisto effettuato nell’ ambito di una ristrutturazione edilizia o restauro conservativo e per un massimo di spesa di 10 mila euro (bonus arredi). Il cosiddetto “decreto Letta”, il numero 63-2013 pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 6 giugno 2013 numero 131 stabilisce che le detrazioni del 50% possono essere usufruite fino al 31 dicembre 2012. La legge di stabilità voluta dal Governo Renzi, legge numero 190 del 23-12-2014 ha prolungato poi la scadenza al 31 dicembre 2015, dal 2016 si abbasseranno al 36%.

Che cos’è una detrazione: coloro che effettuano la dichiarazione dei redditi possono “scalare” dalle tasse versate una somma pari al 50% delle spese sostenute per l’acquisto di mobili. Ogni anno, per 10 anni, può essere detratta una rata. Esempio: abbiamo speso 8mila euro per comprare l’arredamento (cucina, bagno, soggiorno, camera ecc). Il 50% di 8mila è 4mila euro. Ogni anno per 10 anni possiamo detrarre dalla dichiarazione dei redditi 400 euro (4mila diviso 10).
Come detto il massimo di spesa consentito è di 10 mila euro per ogni unità immobiliare oggetto della ristrutturazione.

Per usufruire della detrazione ogni acquisto di arredo deve essere documentato ed i pagamenti devono avvenire tramite bonifico bancario oppure postale in cui risultino:
-la causale del versamento
-il codice fiscale del soggetto che paga
-il codice fiscale o numero di partita Iva del beneficiario del pagamento.

I mobili possono essere acquistati anche con carta di credito o debito, In questo caso, la data di pagamento si deve individuare nel giorno di utilizzo della carta di credito o di debito da parte del titolare, evidenziata nella ricevuta telematica di avvenuta transazione, e non nel giorno di addebito sul conto corrente del titolare stesso. Non di può pagare invece con assegni bancari oppure in contanti.

Cosa si intende per ristrutturazione, per chi spettano le detrazioni per l’acquisto di mobili.

una ristrutturazione si definisce tale quando i lavori effettuati sull’ appartamento sono quelli elencati alle lettere b), c) e d) dell’articolo 3 del Dpr 380/2001 (Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia). Ovvero interventi di manutenzione straordinaria, per le opere di restauro e risanamento conservativo e per i lavori di ristrutturazione edilizia effettuati sulle singole unità immobiliari residenziali di qualsiasi categoria catastale, anche rurali e sulle loro pertinenze.

Nella fattispecie quindi tinteggiatura di muri, ristrutturazione di un bagno con sostituzione sanitari, demolizione di pavimento e pareti, controsoffittature, rinnovamento e sostituzione delle finiture degli edifici. Nell’ambito degli interventi di ristrutturazione edilizia sono ricompresi anche quelli consistenti nella demolizione e successiva fedele ricostruzione di un fabbricato identico, quanto a sagoma, volumi, area di sedime e caratteristiche dei materiali, a quello preesistente, fatte salve le sole innovazioni necessarie per l’adeguamento alla normativa antisismica.

Soffione con casse incorporate per ascoltare la musica sotto la Doccia

Spesso la doccia ci regala minuti e minuti di relax, tempo prezioso per rilassarci. Possiamo però sentire l’esigenza di ascoltare musica, i nostri brani preferiti, oppure la radio per le notizie. Come fare? Dovremmo alzare lo stereo al massimo, magari della stanza vicina, ma con il rumore dell’acqua sarà difficile, specialmente se siamo all’ interno di un’idrodoccia, che di per sè fa parecchio rumore.

Ci viene in aiuto questo splendido prodotto della Kohler. Si chiama Moxie ed è un soffione Bluetooth con cassa incorporata. Si attacca a qualsiasi tipo di doccia grazie ad un potente magnete e comunica con qualsiasi lettore mp3, radio, pc, tablet via bluetooth posto fino a 10 metri di distanza. Ha delle batterie ricaricabili integrate che gli permettono di avere un’autonomia di 7 ore. Può essere inoltre utilizzato anche fuori dalla doccia come un normale altoparlante-cassa esterno.

Ha 60 ugelli ed è ovviamente orientabile. In Italia ancora non è distribuito, mentre è acquistabile nei punti vendita Kohler in Usa, Canada ed Inghilterra, ma può essere acquistato via Internet al prezzo di 199 dollari sul sito della Kohler.

Vasche Idromassaggio da Esterno per Case e Ville

Di vasche da idromassaggio ne abbiamo già parlato in un precedente articolo. Possono essere installate in qualsiasi tipo di bagno, anche se non è particolarmente grande. Le stesse però, i modelli ovviamente sono diversi, si possono montare anche all’ esterno, diventano così delle mini piscine, sia fuori terra che interrate, l’importante è avere un piccolo spazio in giardino oppure sul balcone o in qualsiasi altro spazio che si può ricavare in una casa o villa.

idromassaggio da esterno

Facciamo una carrellata dei migliori modelli presenti sul mercato italiano con i relativi prezzi.

Jacuzzi: è la Ferrari dell’ idromassaggio, d’altronde l’hanno inventato loro. I prezzi sono da fuori serie, ma gli optional e le caratteristiche di lusso e di alta qualità. Sul catalogo della casa statunitense c’è Aura plus, una vasca ad incasso che misura 180x150cm. Ci stanno comodamente quindi due persone. Le finiture possono essere scelte tra legno teak – Venge o marmo bianco a seconda del contesto in cui si è scelto di installarle. Di serie sanitizzzione e 13 bocchette idromassaggio, optional il riscaldamento dell’ acqua. Prezzo base 6500 euro.

Duravit: l’azienda propone vasche con idromassaggio per esterni tonde, incassate su un sistema perfettamente quadrato. Le misure vanno da 140 cm a 180 cm di diametro. Il modello si chiama Blue Moon è ha una profondità di 51 cm, comodi per stare seduti ed immersi fino al collo. I pannelli esterni sono in acrilico bianco coibentati oppure in bilaminato per esterni Wengé e Ciliegio. Prezzi a partire da 3500 euro.

duravit_bluemoon

Teuco: l’azienda italiana propone Seaside 641, vasca idromassaggio per esterni fuori terra con sistema Hydrosilence che riduce il rumore del motore quando è in funzione. Misura 220×200, più spaziosa di quella Jacuzzi ha un’altezza di poco meno di 70 cm, sufficiente comunque per immergersi fino al viso. Prezzi a partire da 7mila euro.

Albatros: sempre una vasca Made in Italy con Niwa. Può essere incassata completamente o parzialmente a terra, ma è disponibile anche “portatile”, per essere successivamente spostata. Misura 190 x 230 x 86 cm e possiede 28 bocchette whirlpool e 16 airpool. E’ quella più completa, tanto che è da Albatros viene chiamata come mini spa. Di serie il riscaldatore mentre la copertina termica è optional. Prezzi a partire da 8500 euro per il modello base.

busco_idromassaggio_esterno

Busco: queste sono delle vere e proprie piscine, la Omega 207 è una vasca completa di idromassaggio che può essere montata sia internamente che esternamente in un giardino o balcone. Ha un diametro di 207 cm in cui possono alloggiare anche 3-4 persone. Alta 54 cm ha un sistema di idromassaggio doppio sui due lati, il colore della pannellatura è nero, prezzi a partire da 5500 euro.

Hafro: azienda italiana ma che produce all’ estero ha in catalogo 3 mini piscine idromassaggio da esterno. Mirage (in foto) fuori terra che misura 196×196 x 90 cm di altezza, Wish 214x214x90 cm mentre Epic è il modello più grande 229x229x90 cm. Prezzi a partire da 5mila euro.

Rivestimenti a Parete da Bagno Sicis

rivestimento bagno mosaicoSin dal 1987, la Sicis – Art Mosaic factory, azienda leader del Made in Italy nella produzione di mosaici per rivestimenti di interni ed esterni, sia per bagni che per altre stanze di arredo, propone le sue prestigiose collezioni nel mondo del design.

Per Sicis tutte le superfici sono un mezzo per “allestire” in maniera artistica:le collezioni relative ai rivestimenti da bagno, in particolare, denotano una particolare cura del dettaglio e dei riflessi di luce.

Il must è il concetto di trasparenza e le tessere multicolore della collezione “Sicis WaterGlass‘” rispondono appieno a questa esigenza. La percezione generale, vedendole, è proprio quello della consistenza cristallina dell’acqua attraversata da lampi di luce liquida resi possibili da piccoli pixel di vetro che compongono le tessere stesse. Le piastrelle, in formato 29,5×29,5 sono composte da tessere 1,5×1,5 con superficie smaltata e sono disponibili in una gamma di 29 diversi colori, dal giallo topazio, al rosso rubino, al rosa melograno,al verde smeraldo etc.rivestimento parete bagno

Le tecnologie d’avanguardia e i materiali di alta qualità firmano anche la collezione “Sicis Smalto di Murano” un vero e proprio fiore all’occhiello nella tradizione dei grandi Maestri Vetrai. In questa collezione la pasta di vetro ed il mosaico si uniscono in uno splendore artistico di elevata raffinatezza tecnica. Le piastrelle sono semilucide, di formato 29,5×29,5 con tessere 1,5×1,5 e sono disponibili in 50 colori diversi che rendono possibile una miriade di combinazioni cromatiche per i rivestimenti delle pareti del vostro bagno.

Le versioni delle collezioni in vetro hanno nomi diversi: “Colibrì” “Firefly“, “Neoglass“, “Ipix“, “Glimmer“, “Iridium“, “Natural“, “Bathub“….: le tessere sono composte da piccoli frammenti di specchi multicolore dalla superficie liscia o leggermente anticata che riflettono la luce in bagliori brillanti. Le piastrelle sono offerte in differenti rifiniture superficiali: traslucido, opaco e iridescente. La Neoglass, ad esempio, è una serie caratterizzata in particolare dalle molteplici composizioni artistiche formate dall’ alternanza delle differenti forme di tessera. La serie Colibrì è a sua volta caratterizzata dai particolari riflessi, bagliori e iridescenze delle piastrelle. La Iridium è invece ottenuta tramite la fusione, ad altissime temperature, di diversi minerali. Natural è infine una linea giovane, fresca e moderna, con 23 colori ispirati alle nuance della natura, con sfumature che da tenui si accendono con sprazzi di colore improvvisi.

mosaico bagnoPer i “palati” più moderni, che vogliono osare anche nei rivestimenti della sala da bagno, Sicis propone anche il Mosaico Glass 3 e la linea Mediterranea, dove i decori spaziano dai floreali ai geometrici e donano estremo movimento alle superfici delle pareti. Le collezioni sono disponibili in molti colori, ognuno dei quali declinati nei molteplici decori della collezione.

I prezzi variano da collezione a collezione e sono molteplici, al pari delle variazioni cromatiche: possono andare da un minimo di 20 euro/mq a oltre 200 .Ad esempio una piastrella a mosaico della serie Iridium , formato 30×30, può attestarsi su costi che variano dai 100 ai 200 euro mq. c.a.

 

Docce Idromassaggio, una Spa in Bagno

Ricreare una piccola Spa nell’intimità del proprio bagno non è più un utopia. Sul mercato ci sono tantissimi prodotti che riproducono in piccolo le funzionalità di un bagno turco, una sauna, un percorso emozionale. Per farlo abbiamo bisogno di una doccia idromassaggio. Apparentemente hanno le sembianze di semplici cabine docce, ma all’ interno ci sono colonne attrezzate che ricreano quello che offrono attrezzatissimi centri benessere. Diamo un’occhiata ai prodotti presenti sul mercato.

doccia teucoTeuco: in catalogo l’azienda italiana ha cinque modelli di doccia idromassaggio: Chapeau, Light, 155, 156 e 157 Next +. Le prime sono di forma rettangolare, mentre la linea Next è ovale. Light (in foto a sinistra) può essere installata sia ad angolo che a nicchia. La misura più piccola disponibile è di 120×80 cm, quella più grande 160×100. E’ realizzata in Duralight, materiale acrilico brevettato da Teuco resistente a macchie e antiscivolamento. Dotata di tetto per l’effetto pioggia ha tre sezioni d’acqua massaggiante.Bagno turco ed erogatore di vapore sono optional. Di serie il sistema bluetooth per il collegamento di radio ed mp3. Prezzi a partire da 3mila euro.

Jacuzzi: considerata la “Ferrari” di vasche e doccie, la casa americana è l’inventrice dell’idromassaggio. I suoi prodotti si collocano sempre al top come qualità e.ovviamente, come prezzi. In catalogo i modelli Frame, Omega, Mynima, Flexa e Young. Mynima, come dice la parola, è una doccia multifunzione dal design minimalista ma di gran classe. Disponibile anche per spazi ridotti, con ingombro totale a partire da 80 cm presenta Idromassaggio verticale e dorsale ed enerjet di serie mentre bagnoturco e cromoterapia sono optional. Prezzi Mynima a partire da 3200 euro.

keyboxAlbatros: in catalogo diversi modelli doccia idromassaggio. Keybox (in foto a sx) è un combinato angolare con bagno turco, 6 getti dorsali, dispenser essenze e soffione centrale con effetto pioggia. Seduta laterale per godere momenti in totale relax. My time Next è una doccia completissima, con casse radio per ascoltare la musica, Illuminazione a Led con 6 varianti cromatiche, bagnoturco e 5 microgetti per la cervicale.Anche in questo caso il soffione centrale è con effetto pioggia. Prezzi a partire da 2200 euro.

Novellini: altro nome del made in Italy ha in catalogo 3 tipi di doccia multifunzione. Nexis Dual, il modello più grande, misura 179×90 cm, e ha un idromassaggio verticale attivabile con telecomando touch screen. Connessione mp3 ed erogatore di vapore. Confort è un modello piccolino, da 80 cm. Dispone di radio rds, casse, idromassaggio verticale e cervicale e sauna. Prezzi a partire da 1900 euro.

Hafro: in catalogo moltissimi modelli, tra questi Tech doccia angolare (in foto a sinistra). 8 jet per idromassaggio pulsato e 4 per quello cervicale.  Soffione centrale effetto pioggia. La versione Top ha bagno turco, doccia scozzese e linfodrenaggio. Prezzi a partire da 6 mila euro la versione full optional.